ÔĽŅ

CamperPark Nevia

Indirizzo:Via primo maggio, 28, Camporosso Mare (IM)

Contatti: Tel. + 39 328.0386624 - www.camperparknervia.com

Hai letto la legenda? Leggila subito!

L'area sosta attrezzata CamperPark Nevia recentemente realizzata da privati, è situata a 700 metri circa dal mare, è lungo la pista ciclabile mare-monti, ed è ben servita dai negozi e supermercati a 350 metri circa, il primo distributore di benzine a 500 metri, invece a due chilometri dalla prima officina meccanica, infine è ben servita dagli autobus di linea a metri 500..
La recente struttura ricettiva comunale ma gestita da privati offre ospitalità non solo ai camper ma anche alle caravan e alle tende.

L'area sosta CamperPark Nevia occupa una superficie di circa 6500 mq. √® recintata e video sorvegliata, presenta interessanti plus come un bellissimo parco giochi attrezzato per bambini e il bar ristoro al suo interno con veranda. Bella, accogliente, in ordine e pulita, cos√¨ si presenta al proprio ospite, con le 61 piazzole divise in due zone sono tutte delimitate da cordoli in cemento e numerate singolarmente, sono tutte in piano e su fondo in ghiaia scura auto drenante ma con scarsa se non nulla ombreggiatura, l'illuminazione notturna √® moderna e con lampioncini, infine per la sicurezza √® presente ovunque la video sorveglianza e i punti antincendio.¬†Gli stalli per la sosta sono serviti di allacciamenti alla rete elettrica con tariffe a parte di ‚ā¨ 4,00 e acqua potabile.

Ci sono sei servizi igienici ambo i sessi separati ed anche per i disabili e le docce all'interno di un prefabbricato ordinato e tenuto pulito, esternamente invece ci sono quattro lavelli per la pulizia delle stoviglie e due lavatoi per il bucato a mano. Tra gli altri servizi segnaliamo la connessione wifi gratuito, la zona per la raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani, ubicata lontano dalle piazzole di sosta e adiacente all'ingresso dell'area sosta.

Anche lo stallo sanitario è posizionato lontano dalle piazzole di sosta, ma centralmente nella struttura ricettiva, presenta un singolare piano in cemento colorato di verde anti scivolo, il pozzetto di scarico è posizionato correttamente al centro ed è in acciaio inox auto pulente con foto cellula, la colonnina multifunzione sempre in acciaio inox è per la fornitura dell'acqua potabile e con lo scarico per le cassette estraibili, tutto l'impianto professionale è una realizzazione della Wc Wash. Ottima l'accessibilità e l'utilizzo dei servizi.

Apertura annuale, Sette i giorni di permanenza massima, i cani sono ammessi ma con tariffa giornaliera propria.
Tariffe giornaliere: Vedi contatti - Primo carico scarico camper service gratuito

CamperPark Nevia
Via primo maggio, 28 - Camporosso Mare (IM)
Tel. + 39 328.0386624
www.camperparknervia.com
Coordinate GPS: 43.795022, 7.630428¬†/¬†43¬į47'42.1"N 7¬į37'49.5"E

Camporosso (Camporosso in ligure) è un comune della provincia di Imperia in Liguria. Ottavo comune della provincia per numero di abitanti, è interamente compreso nella conurbazione di Ventimiglia.

Città dell'estremo Ponente Ligure, è ubicata nella Riviera dei Fiori tra Sanremo e Montecarlo, dove si affaccia sul mare per un breve tratto. Camporosso per tradizione e storia è il primo paese della val Nervia.

Con i suoi 300 metri di spiaggia, la più piccola in Italia, Camporosso è riuscita ad ottenere consecutivamente dal 2001 la Bandiera Blu e ad essere inserita nella Guida Blu di Legambiente.

La presenza di un'oasi naturalistica e faunistica, sito di interesse comunitario, posta alla foce del torrente Nervia, crea un'atmosfera di tranquillità che, unita alla spiaggia libera e sorvegliata, particolarmente valorizzata dall'amministrazione comunale, offre ai bagnanti un luogo ideale di villeggiatura.

Storia
Il toponimo Camporosso deriva dal latino Campus Rubeus riconducibile ai boschi di oleandri rossi, lungo le rive del torrente Nervia. Altre deduzioni fanno inoltre presupporre il significato del nome al colore un po' rossiccio del terreno.

Del periodo romano rimangono ad oggi un cippo funerario e resti dell'acquedotto che riforniva Albintimilium, l'odierna Ventimiglia, con le acque del torrente Seborrino.

La storia di Camporosso segue praticamente quella di Ventimiglia nonostante il suo territorio sia posto al confine con Dolceacqua, dominio della famiglia genovese Doria, avversari dei conti ventimigliesi. Proprio la vicinanza con Ventimiglia scatenò battaglie sanguinose subendo frequentemente occupazioni militari dal borgo rivale. Si costituì comune autonomo il 15 settembre 1025.

Nel 1686, grazie alla Repubblica di Genova, Camporosso si staccò da Ventimiglia formando la Magnifica Comunità degli Otto Luoghi insieme ai borghi di Bordighera, Borghetto San Nicolò, San Biagio della Cima, Sasso, Soldano, Vallebona e Vallecrosia.

Con la caduta della repubblica genovese, a seguito della calata francese di Napoleone Bonaparte (1797), gli otto comuni diventarono indipendenti entrando a far parte della Giurisdizione delle Palme, con Sanremo capoluogo, nella Repubblica Ligure, all'interno del Primo Impero francese (1805). Passò poi al Regno di Sardegna (1815) e quindi sotto il governo del Regno d'Italia nel 1861.

Nel XIX secolo la coltivazione delle olive e la produzione dell'olio di oliva fece fiorire l'economia del comune, alimentando il reddito di molte famiglie camporossine.

Nel 2006 il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, alla fine del suo settennato, ha concesso all'ente comunale il titolo onorifico di Città. Nell'occasione dei festeggiamenti per il riconoscimento è stata concessa la cittadinanza onoraria a Giuseppe Capponi, frate francescano cappuccino, meglio conosciuto come Padre Candido. L'amministrazione comunale ha infatti deciso di concedere la cittadinanza al frate per l'impegno con cui i frati francescani cappuccini, hanno portato nel mondo la parola di san Francesco Maria da Camporosso detto "il Padre Santo".

Dal 1973 al 31 dicembre 2008 ha fatto parte della Comunità Montana Intemelia, quest'ultima soppressa con la Legge Regionale n° 23 del 29 dicembre 2010 e in vigore dal 1º maggio 2011

 

Architetture religiose

Chiesa parrocchiale di San Marco Evangelista nel centro storico
La chiesa di San Marco Evangelista è un edificio religioso sito in via alla Chiesa a Camporosso, nella Riviera dei Fiori in provincia di Imperia. La chiesa è sede della parrocchia omonima del vicariato di Bordighera e Valle Nervia della diocesi di Ventimiglia-San Remo.
La parrocchiale fu costruita nel XV secolo ed ampliata nel Settecento. Il campanile del XIX secolo è stato recentemente restaurato. All'interno della parrocchiale sono presenti diversi polittici, tra i quali uno raffigurante i Santi Pietro, Paolo e altri del pittore Stefano Adrechi databile al 1533.
Nel secondo altare di sinistra è presente un polittico su fondo oro con la Madonna e i Santi Giuliano e Bernardo del 1536 attribuito ad Agostino Casanova; nella cappella maggiore a sinistra è raffigurato un Martirio di San Sebastiano del Cinquecento. Inoltre al suo interno è presente nell'abside una statua in legno di San Marco del XVI secolo.

Chiesa di San Pietro, risalente all'XI secolo
La chiesa di San Pietro è un edificio religioso sito in corso Italia a Camporosso, nella Riviera dei Fiori in provincia di Imperia. La chiesa è situata all'interno del cimitero comunale. Risalente all'XI secolo, adiacente al cimitero, è una struttura in stile romanico a una sola navata con abside semicirolare. L'edificio fu in seguito ampliato aggiungendo una nuova navata laterale. Recentemente durante un restauro è stato riportato alla luce l'antica struttura della chiesa risalente all'Alto Medioevo. Il campanile costruito a pianta quadrata e bifore fu danneggiato da un terremoto nel 1227. Racchiude al suo interno porzioni di affreschi del XV.

Oratorio dei Neri (o del Suffragio). L'edificio è situato sul fondo di Piazza Garibaldi, la piazza principale del centro storico di Camporosso, ed è preceduto da un'ampia scalinata con doppia balaustra incurvata. Sulla facciata è collocato, dal 1787, l'orologio della vicina chiesa parrocchiale di San Marco.

Oratorio dei Bianchi del XVI secolo

Aree naturali

Oasi del Nervia
L'Oasi del Nervia è un'area faunistica della provincia di Imperia compresa nel territorio comunale dei due comuni rivieraschi di Ventimiglia e Camporosso. Inserita nella piana del torrente Nervia, ha una superficie complessiva di 60.000 m2. All'interno dell'oasi sono state catalogate quasi 160 specie botaniche, la maggior parte comprese da alberi di alto fusto come la tifa, la veronica e il crescione. Sono inoltre presenti vaste aree di canneti utili soprattutto ai volatili come habitat naturale o per l'autodepurazione della zona faunistica.
I volatili sono stati censiti e catalogati in 140 specie quali lo svasso, il tuffetto, l'airone, anatre, limicoli, gabbiani, rallidi, passeriformi e altre specie. Tra i mammiferi si segnalano la volpe, il riccio, il toporagno, il mustiolo, l'arvicola e i rettili orbettino, ramarro, il colubro lacertino, natrice viperina e la lucertola ocellata.


Sito di interesse comunitario Torrente Nervia

Si consigli agli utenti di mantenere un tono conforme alle regole del buon senso.